SETTORE ECONOMICO-FINANZIARIO - Comune di Quistello (MN)

Il Comune | Settori/Uffici | SETTORE ECONOMICO-FINANZIARIO - Comune di Quistello (MN)

 

SETTORE ECONOMICO-FINANZIARIO

Responsabile del Servizio:  Dott. Alessio Testoni
Centro Culturale "A. Viani" via Cesare Battisti, 44
tel. 0376 627253
alessio.testoni@comune.quistello.mn.it

 

  Comunicazione 3 giugno 2020  
Causa emergenza epidemiologica da COVID-19, per consentire il rispetto delle distanze cautelative tra le persone ed evitare code e attese agli sportelli, il ricevimento del pubblico avverrà solo per appuntamento. L'appuntamento deve essere concordato con l'Ufficio Tributi contattando il numero 0376/627242 o 3341080849 oppure tramite mail: tributi@comune.quistello.mn.it
L’Ufficio Tributi, grazie.

 

RAGIONERIA

Rag. Zanini Antonella
tel. 0376 627243
ragioneria@comune.quistello.mn.it
Orari di apertura al pubblico:  Dal Lunedì al Sabato - dalle 10:00 alle 12:30; Giovedì dalle 8:30 alle 12:30; Martedì dalle 15:00 alle 17:00.

Il Servizio finanziario Settore Ragioneria si occupa di tutte le attività che hanno un riflesso sulle finanze del Comune, vigila sulla corretta applicazione anche da parte degli altri Uffici comunali delle norme fiscali, effettua pagamenti e riscossioni per il tramite del servizio di Tesoreria.

 

TRIBUTI


Dott.ssa Elena Riccardo
tel. 0376 627242
tributi@comune.quistello.mn.it
Orari di apertura al pubblico:  Giovedì dalle 8.30 alle 12.30; Martedì dalle 10.00 alle 12.30; Martedì dalle 15.00 alle 17.00; Sabato dalle 8.45 alle 12.45.

Il Servizio Tributi cura l'applicazione di tutte le norme relative ai tributi comunali. Provvede quindi al controllo delle denunce e dichiarazioni dei contribuenti e dei versamenti effettuati dagli stessi; nello stesso tempo, utilizza gli strumenti e le informazioni in suo possesso per accertare l'esistenza di evasione fiscale con l'obiettivo dell'equità fiscale.
 

I principali servizi gestiti sono:

seguono tutti i dettagli
 

"NUOVA" IMU 2020 - Imposta municipale unica

Legge 27 dicembre 2019, n. 160 Art. 1, comma 738.
A decorrere dall’anno 2020, l’imposta unica comunale (IUC), di cui all’articolo 1, comma 639, della legge 27 dicembre 2013, n. 147, è abolita, ad eccezione delle disposizioni relative alla tassa sui rifiuti (TARI).
La nuova IMU 2020 è disciplinata dalle disposizioni di cui all'art.1, commi 739 - 783, della legge 27 dicembre 2019, n. 160.

Con Delibera di Consiglio Comunale n. 16 del 09/06/2020 sono state approvate le aliquote per l’anno 2020:

  • ALIQUOTA DI BASE O ORDINARIA (fabbricati, terreni, aree fabbricabili): 1,06% (10,60 PER MILLE);
  • ALIQUOTA RIDOTTA PER ABITAZIONE PRINCIPALE E RELATIVE PERTINENZE DI CUI ALLE CATEGORIE CATASTALI A/1, A/8 E A/9: 0,6% (6,0 PER MILLE) e detrazione per abitazione principale e relative pertinenze € 200,00;
  • Fabbricati rurali strumentali: 0,1% (1,0 per mille)

QUANDO SI PAGA - Scadenze di pagamento per l’anno 2020:

  • 16 giugno
  • 16 dicembre

Si ricorda infine che, chi non versa l’imposta entro le scadenze previste, può regolarizzare la propria posizione avvalendosi del "ravvedimento operoso"( regolato dall'articolo 13 del Decreto Legislativo n. 472/97, come modificato dal Decreto Legge n. 124/2019 - art. 10-bis), purché le violazioni non siano state già contestate, e comunque, non siano iniziati accessi, ispezioni, verifiche o altre attività amministrative di accertamento da parte del Comune delle quali il contribuente abbia avuto formale conoscenza".

MODULI UTILI:

IMU Fabbricati inagibili da sisma 2012 - esenzione prorogata al 31 dicembre 2020

da Legge 156 del 12/12/2019 - Art. 9 vicies quinquies
Proroga dell’esenzione dall’IMU per i fabbricati dei comuni colpiti dal sisma del 20 e 29 maggio 2012

1. Per i comuni delle regioni Lombardia e Veneto di cui all’articolo 1, comma 1, del decreto-legge 6 giugno 2012, n. 74, convertito, con modificazioni, dalla legge 1° agosto 2012, n. 122, e all’articolo 67 -septies del decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 134, come eventualmente rideterminati dai commissari delegati ai sensi dell’articolo 2 -bis , comma 43, secondo periodo, del decreto-legge 16 ottobre 2017, n. 148, convertito, con modificazioni, dalla legge 4 dicembre 2017, n. 172, e per i comuni della Regione Emilia-Romagna interessati dalla proroga dello stato d’emergenza di cui all’articolo 2 -bis , comma 44, del decreto-legge n. 148 del 2017, convertito, con modificazioni, dalla legge n. 172 del 2017, l’esenzione dall’applicazione dell’imposta municipale propria prevista dal secondo periodo del comma 3 dell’articolo 8 del decreto legge n. 74 del 2012, convertito, con modificazioni, dalla legge n. 122 del 2012, è prorogata fino alla definitiva ricostruzione e agibilità dei fabbricati interessati e comunque non oltre il 31 dicembre 2020.

2. Agli oneri derivanti dal comma 1 del presente articolo, pari a 14,4 milioni di euro per l’anno 2020, si provvede mediante utilizzo delle risorse di cui all’articolo 2, comma 107, della legge 24 dicembre 2007, n. 244. 
 

ATTESTAZIONE SITUAZIONE DI DIFFICOLTA’ ECONOMICA CAUSA PANDEMIA COVID-19

Il Comune di Quistello con delibera di consiglio n. 18 del 09.06.2020 ha deciso di  non differire la scadenza dell’acconto Imu 2020, da effettuarsi entro il 16 giugno 2020,  e di disporre la non applicazione di sanzioni ed interessi nel caso di versamento dell’acconto Imu  entro il 30 settembre 2020, limitatamente ai contribuenti che hanno registrato difficoltà economiche, da attestarsi entro il 31 ottobre 2020 a pena di decadenza dal beneficio, su modello predisposto dal Comune.
In merito alla delibera del Consiglio Comunale n. 18 del 09.06.2020  con la quale è stato deliberato di non applicare sanzioni ed interessi nel caso di versamento dell’acconto Imu 2020 entro il prossimo 30 settembre, limitatamente ai contribuenti che hanno registrato difficoltà economiche, si comunica che sulla base di quanto disposto dal Ministero delle finanze, con risoluzione n. 5/E dell’8 giugno 2020, la moratoria riguarda solo l’IMU di competenza comunale e non quella riservata allo Stato.
Pertanto, l’IMU dovuta allo Stato, relativamente ai fabbricati di categoria catastale D (codice tributo 3925), dovrà essere versata entro il 16 giugno 2020, anche dai soggetti che hanno registrato difficoltà economiche. La quota IMU relativa ai fabbricati di categoria D di competenza comunale (codice tributo 3930), invece, potrà essere versata entro il 30 settembre 2020.

MODULI UTILI:

ALTRA MODULISTICA:

 

TASI – Tributo per i Servizi Indivisibili

COME SI DETERMINA - Sul sito del Comune di Quistello è possibile calcolare l'imposta dovuta e compilare il modello F24. Modulistica per eventuale istanza di rimborso, ravvedimento operoso, ecc.: Modulistica*

ALIQUOTE 2019 (invariate rispetto all'anno 2018)

  • 0,1 % per cento per i fabbricati rurali strumentali; 
  • 0,15 % per l'abitazione principale classificata nelle categorie catastali A/1, A/8, e A/9 e relative pertinenze.

COME E QUANDO SI PAGA

  • 1.a rata entro il 17 GIUGNO 2019
  • 2.a rata entro il 16 DICEMBRE 2019

E' possibile pagare in unica soluzione entro il 17 GIUGNO 2019. Il pagamento deve essere effettuato con modello F24. I soggetti passivi devono presentare apposita dichiarazione TASI entro il 31 dicembre dell’anno successivo a quello cui il possesso degli immobili sono intervenute variazioni rilevanti ai fini della determinazione dell’imposta.

DOCUMENTAZIONE:  Modulo Annullamento Rettifica TASI  -  Modulo Rateizzazione TASIModulo Rimborso TASI

 

TARI - TARIFFA CORRISPETTIVA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI

Tariffa puntuale di raccolta domiciliare dei rifiuti - Nel Comune di Quistello si è dato avvio al sistema di raccolta domiciliare dei rifiuti con il sistema a tariffa puntuale. La raccolta domiciliare riguarda carta e cartone, plastica, imballaggi di vetro e lattine, organico, sfalci e rifiuto non recuperabile. E’ormai riconosciuto a livello internazionale come modalità più equa di calcolo della tariffa ed è considerato il percorso che permette più facilmente di raggiungere sia gli obiettivi di recupero che quelli di riduzione della produzione di rifiuti stabiliti a livello europeo, secondo il principio “chi più inquina, più paga”.

Il corrispettivo per i rifiuti è applicato e riscosso dal soggetto affidatario del servizio di gestione dei rifiuti, in tutto il territorio comunale. L’attuale “Gestore” è Mantova Ambiente s.r.l.

COME SI DETERMINA - Le tariffe sono composte da una quota fissa, determinata in relazione alle componenti essenziali del costo del servizio, e da due quote variabili, rapportate alle quantità di rifiuti conferiti, alle modalità del servizio fornito e all’entità dei costi di gestione. Le tariffe sono articolate nelle fasce di utenza domestica e di utenza non domestica.

COME E QUANDO SI PAGA - L’utente deve richiedere al Gestore l’attivazione del servizio di raccolta rifiuti e la consegna dei dispositivi per il conferimento dei rifiuti entro 30 giorni dalla data di inizio dell’occupazione o della detenzione dei locali e delle aree assoggettabili al prelievo, utilizzando gli appositi moduli previsti di seguito allegati. Analoga modulistica, deve essere compilata per comunicare la cessazione dell’utenza, provvedendo contestualmente alla restituzione dei dispositivi in uso. Eventuali variazioni, devono essere presentate tramite dichiarazione entro 30 giorni dal modificarsi della situazione originaria.

MODULI: Modulo Attivazione - Modulo Variazione - Modulo Cessazione

Informazioni:  Mantova Ambiente s.r.l. Società soggetta all’attività di direzione e coordinamento di Tea spa
Sede Legale: Via Taliercio, 3 Mantova 
Numero verde 800-473165
mail clienti@teaspa.it
www.mantovaambiente.it
Orari di servizio: Da lunedì a venerdì 8:00-18:00 e sabato 9:00-13:00


DOCUMENTAZIONE: EcoCalendario 2020 -  GUIDA dove LO BUTTO - Corrispettivo rifiuti utenza non domestica - Corrispettivo rifiuti utenza domestica

 

IRPEF – Addizionale Comunale

ALIQUOTA 2020 (invariata rispetto all'anno 2019) e quota di esenzione:

  • 0.7% aliquota unica;
  • esenzione per i contribuenti con reddito annuo imponibile esclusivamente da lavoro dipendente, assimilato a lavoro dipendente, da pensione o lavoro autonomo inferiore a euro 10.500,00.

DOCUMENTAZIONE - Ministero dell'Economia e delle Finanze: www.mef.gov.it

 

 

TOSAP - Tassa occupazione spazi ed aree pubbliche

Sono soggette alla tassa le occupazioni di qualsiasi natura, effettuate nelle strade, nei corsi, nelle piazze e comunque sul suolo appartenente al Comune o su solo privato ma gravato da servitù di uso pubblico costituita nei modi e nei termini di legge.

A CHI SI RIVOLGE - A chi ha chiesto la concessione di suolo pubblico, sia permanente che temporanea; - A chi occupa suolo pubblico.

COME SI DETERMINA - Gli importi dovuti sono definiti dal regolamento comunale e dalla Tariffe dei Servizi del Comune di Quistello.

  • Occupazioni permanenti, quando l'occupazione è uguale o superiore all'anno. La tassa si paga annualmente;
  • Occupazioni temporanee, quando la durata dell'occupazione è inferiore all'anno. La tassa dipende dal numero di giorni di occupazione ed il pagamento deve essere effettuato in concomitanza al rilascio del relativo atto di concessione e/o autorizzazione;
  • Occupazioni realizzate da venditori ambulanti “spuntisti” al mercato settimanale del giovedì ed in occasione di manifestazioni fieristiche è ammessa la riscossione della tassa dovuta tramite versamento diretto all’Agente di Polizia Locale – o delegato – addetto alle operazioni di rilievo delle presenze.

QUANDO SI PAGA

  • Concessioni permanenti, la tassa si paga entro 30 giorni dalla data di rilascio dell’atto di concessione e/o autorizzazione e, comunque, non oltre il 31 dicembre dell’anno di rilascio medesimo; negli anni successivi il versamento deve essere effettuato entro il 31 gennaio;
  • Concessioni temporanee di qualsiasi altro tipo: la tassa si paga all'atto del rilascio della concessione di suolo pubblico.


DOCUMENTAZIONE:  Richiesta Rateizzazione TOSAP.

 

IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA’ e PUBBLICHE AFFISIONI

ATTIVITA'

  • affissione di manifesti e riscossione dei diritti di affissione;
  • gestione e riscossione dell'imposta di pubblicità.

A CHI SI RIVOLGE

  • a chi espone pubblicità permanente (es. targhe, insegne e tende);
  • a chi espone pubblicità temporanea (es. cartelli, striscioni, pubblicità fonica);
  • a chi vuole esporre locandine;
  • a chi vuole distribuire volantini a mano;
  • a chi vuole usufruire del servizio di affissione per esporre manifesti negli impianti destinati alle pubbliche affissioni.

Filiale di riferimento:
M.T. Spa via Marzabotto, 30 20871 Vimercate (MB)
Tel. 039 6613161    Fax 039 667746
mail: vimercatetributi@maggioli.it - pec: mt.vimercatesede@legalmail.it
Orario di filiale: dal Lunedì al Venerdì dalle 08:30 alle 13:00 e dalle 14:30 alle 17:30

Riferimento locale per le pubbliche affissioni commerciali, istituzionali e funebri)
Borghi Barbara via Cortesa, 34 46026 Quistello (MN)
cell. 346/6187224
mail barbaraelmaborghi@libero.it

 

Pubblicato il 
Aggiornato il 
Risultato (12196 valutazioni)