Terremoto - Comune di Quistello (MN)

archivio notizie - Comune di Quistello (MN)

Terremoto

 
Terremoto

 

 AGGIORNAMENTI TERREMOTO - 29 MAGGIO 2012 - ORE 8.00

Nel pomeriggio di ieri si è svolto un sopralluogo congiunto alla presenza di Vigili del Fuoco, Curia, Soprintendenza, Parrocchia e Comune alla Chiesa Parrocchiale ed alla torre campanaria. Si confermano le evidenti criticità alla stabilità della Chiesa Parrocchiale ed a tale scopo è stata individuata una strategia per la messa in sicurezza della facciata: si tratta della realizzazione di un ponteggio a C, che abbracci la stessa nella parte alta. La struttura dovrebbe essere in grado di "accompagnare e sorreggere" la facciata, in caso di future scosse, scongiurando il pericolo di crollo. Entro le prossime 48 ore il progetto sarà terminato e trasmesso alla Protezione Civile per ottenere l'autorizzazione (ed il relativo contributo) alla realizzazione dell'opera.

Si conferma l'obbiettivo di riuscire nella riapertura della piazza, anche alle auto, entro il 20 luglio.

Le ispezioni alla Torre campanaria, dalle fondamenta alle campane, hanno evidenziato che la struttura non ha subito danneggiamenti o spostamenti, pertanto nessun provvedimento di inagibilità o inutilizzo è stato emesso. Quanto prima, riprenderanno a suonare le campane. 

 

TERREMOTO 20/5/12 – AGGIORNAMENTI ALLE 19.00 DEL 23/5/2012

 

Con l’intento di informare la cittadinanza sulle conseguenze degli eventi sismici e sui primi provvedimenti presi d’urgenza a tutela dell’incolumità della popolazione, trasmettiamo la seguente nota.

 

Gli approfondimenti tecnici effettuati sulla Chiesa Parrocchiale confermano la criticità della situazione. E’ alto il pericolo di crollo della facciata, per cui l’intera area di via C. Battisti posta di fronte alla Chiesa resta inaccessibile. Per evitare la chiusura totale della piazza, con la Protezione Civile si è concordata la realizzazione di un tunnel a protezione dei passanti, a piedi o in bicicletta, che funge da collegamento dalla parte alta alla parte bassa di via C. Battisti, riunendo così il centro storico. Già da giovedì mattina il tunnel sarà parzialmente percorribile, mentre la piena apertura avverrà entro la serata. La realizzazione della struttura permetterà anche la riapertura delle attività commerciali. L’intervento rientra tra quelli di somma urgenza, verificati ed autorizzati dalla Protezione Civile Regionale, realizzati con il contributo all’80% della protezione civile, il 20% a carico del Comune. In un primo incontro tra Curia, Sovraintendeza, Amministrazione Comunale e Protezione Civile, è stato fatto il punto della situazione relativamente alla Chiesa di San Bartolomeo. Per la messa in sicurezza della facciata della Chiesa parrocchiale serviranno almeno 8 settimane, non è possibile invece stimare il tempo per la riapertura ai fedeli. Stiamo studiando con la Parrocchia le possibili alternative. Terminata la messa in sicurezza della Chiesa, il tunnel sarà rimosso e stiamo lavorando per la riapertura al traffico veicolare. Il costo complessivo stimato per il restauro della Chiesa è in 4 milioni di euro.  I danni complessivi nel Comune superano i 6 milioni di Euro.

 

Più grave del previsto la situazione anche alla Chiesa di San Fiorentino di Nuvolato, dove rispetto ad una prima verifica, si è riscontrato un grave pericolo sulla facciata. L’area di fronte è stata transennata.

 

Ad ora sono una decina le abitazioni dichiarate inagibili, per tutte le famiglie sfollate è stata trovata sistemazione presso amici o parenti.

 

Giovedì è confermato il mercato. Le bancarelle nell’area inaccessibile saranno trasferite in via Vittorio Veneto ed in via IV Novembre.

 

L’arch. Stefano Righi ed il geom. Massimo Debiasi, in accordo con i Vigili del Fuoco, stanno ancora effettuando tutti i sopralluoghi in decine di abitazioni private.  

 

Si segnala infine che gli uomini della squadra tecnica comunale e la polizia locale hanno dimostrato grande disponibilità negli interventi di emergenza. Altrettanto hanno fatto Protezione Civile e Vigili del Fuoco. Alle 4.30 di domenica mattina, il primo incaricato della Protezione Civile aveva raggiunto la sede Municipale, e con lui, l’architetto Righi, il Sindaco ed il Vice Sindaco hanno provveduto immediatamente ai sopralluoghi su tutte le strutture pubbliche, partendo dalle scuole.

 

 


Pubblicato il 
Aggiornato il 
Risultato (140 valutazioni)